Ignora collegamenti di navigazione

Grigna Settentrionale (m. 2409)

Titolo itinerarioTraversata delle due Grigne
Partenza daPiani Resinelli
Quota partenza1277
AccessoLecco - Valsassina - Ballabio - Pian dei Resinelli
Dislivello2000
Tempo di salita8.00
EsposizioneVaria
DifficoltàEE
CartinaCartina Kompass n. 105 Lecco Val Brembana
Bibliografia--
SezioneOrobie - Prealpi Lombarde lecchesi
Descrizione
TRAVERSATA ALTA: Fioritura con impollinazione lungo il sentiero della traversata alta.

SALITA

Dal parcheggio dei Piani Resinelli, prendere la stradina che conduce al rif. Porta e, superato il bosco retrostante il rifugio, al bivio, lasciare la cresta cermenati (normale) e prendere per sent. direttissima. Il sentiero sale su pratoni fino alle prime catene e scale, in corrispondenza del caminetto Pagani. Ora seguendo il segnavia e i cartelli, sarà un susseguirsi di roccette e catene, non molto impegnative e molto divertenti, fino ad arrivare al canalone Angelina.

Le possibilità sono di seguire i cartelli "direttissima" che, da poco tempo, fanno evitare le palacche del canalone, oppure risalire l'Angelina; tutte e due le varianti arrivano al colle Valsecchi. Da qui si seguino le indicazione per sentierio Cecilia, incorciando poi l'uscita del canalone Caimi, fino a sbucare sulla cresta Cermenati. Ora proseguendo per la cresta si arriva in vetta alla Grigna Meridionale ove è posto il il biv. Ferrario.

In alternativa si può salire in Grignetta seguendo la cresta Sinigalia. In questo caso giunti al rif. Porta seguire le indicazioni per il sentiero 1. Il sentiero inizia a salire molto ripido subito avere superato il canalone Porta, oppure dal Canalone Porta stesso.

Il punto più tecnico è il Passo del Gatto, un traverso di pochi metri attrezzato con cavo ed alcuni pioli nella roccia. Può creare qualche problema per chi è alle prime armi o soffre di vertigini, è bello esposto. Nel caso portarsi il kit da ferrata. Prima del Passo del Gatto il sentiero è sempre molto ripido, ci sono alcuni punti un pò vertiginosi e "stretti", su terreno che a vista non incute garanzia, ma tutto sommato nulla che non si possa camminare con un pò di prudenza ed attenzione. Dopo il Passo del Gatto si è quasi in vetta, bisogna però affrontare alcune paretine, semplici passaggi su roccia attrezzati con delle catene (questi molto più facili, vuoi tecnicamente e vuoi per "sensazione").

A questo punto scendere verso il Buco di Grigna seguendo il cartello indicatore "alta via", ignorando la prima deviazione per la cresta Sinigalia, dapprima su roccette con l'ausilio di catene e poi su sfascumi. Seguire ora sentiero posto sulla dorsale che congiunge le due Grigne.

Oltrepassato il Buco di Grigna il sentiero ricomincia a salire fino in vetta superando dei tratti attrezzati con catene, fino a congiungersi con il sentiero che sale dal Pialeral nei pressi del bivacco Merlini. Ora è anche ben visibile il Rifugio Brioschi posta sulla vetta. Da qui in breve si giunge in vetta.

DISCESA

Per l'itinerario di salita fino in vetta alla Grigna meridionale, poi attraveso la cresta Cermenati, si rientra ai Piani Resinelli.

In alternativa, anzichè risalira alla Grigna meridionale è possibile scendere al Pialeral e poi seguire la traversata bassa per il rientro ai Piani Resinelli.